Trentaquattro sonetti

di Giuseppe Gioachino Belli

ER CÒLLERA MÒRIBBUS

Bbasta, o sse1 chiami còllera o ccollèra,
io sce ggiuco2 la testa s'un baiocco
che sta pidemeria3 sarvo me tocco,4
cqua da noi nun ce viè, sippuro5 è vvera.

Nun zentite l'editto? che cchi spera
ne la Madon de mezz'agosto è un sciocco
si6 nn'ha ppavura? E cce vò ddunque un gnocco,
sor Marchionne, a accorasse7 in sta maggnera.8

Disce: ma a Nninza9 fa ppiazza pulita.
Seggno che cqueli matti mmaledetti
nun ze10 sanno avé ccura de la vita.

S'invesce de cordoni e llazzaretti
se sfrustassino11 er culo ar Caravita,12
poteríano bbruscià ppuro13 li letti.

4 agosto 1835

-------------------

1 Si. 2 Ci giuoco. 3 Questa epidemia. 4 Salvo dove mi tocco. 5 Seppure. 6 Se. 7 Accorarsi. 8 In questa maniera. 9 Nizza. 10 Non si. 11 Si sfrustassero. 12 Oratorio notturno in Roma, dove gli uomini si danno la disciplinaal buio. 13 Pure.

Quanno parli accusí ccore mio bbello,
fai capí cche l'editto nu l'hai letto;
perché er Vicario in quer lenzòlo ha ddetto
ch'er collèra è un bravissimo fraggello;1

e cche er Ziggnore se2 serve de quello
e cce lo manna3 appunto pe ddispetto,
pe vvia4 che Rroma è ddiventata un ghetto
d'iniquità ppiú nnere der cappello.

Rroma ha pprecarivato:5 ecco er motivo
che la peste viè avanti pe le poste
pe nnun lassàcce6 un zecolaro vivo.

Tu aspèttetela puro pe le coste,7
e vvederai ch'er Papa, mastr'Olivo,
sarverà appena Ghitanino8 e ll'oste.

4 agosto 1835

-------------------

1 È un vero e assoluto flagello. 2 Si. 3 Celo manda. 4 Pel motivo. 5 «Ha prevaricato»: parole

dell'editto del Vicario. 6 Per non lasciarci, lasciarvi. 7 Tu aspettetela pure per la persona.
8 Gaetano Moroni, primo aiutante di camera di S. S.

Oh annateve a rripone,1 oh state quieti,
c'avete torto marcio tutt'e ddua.
Dar tett'in giú2 sta collera è una bbua3
che ddà de piccio4 a ssecolari e a ppreti.

Ha ttempo er Crero a ffà nnovene e asceti
de sette ladri: monziggnor la Grua5
aricconta c'a Spaggna, a ccasa sua,
fu un mascello, e pijjò ttutti li sceti.

Sapete, sor Olivo e ssor Marchionne,
chi, cquanno mai,6 se pò ssarvà7 la pelle?
Sapete chi? vve lo dich'io: le donne.

Perché a Rroma le donne, o bbelle o bbrutte,
spesciarmente le vedove e zzitelle,
sò8 amiche de San Rocco9 guasi tutte.

6 agosto 1835

-------------------

1 Oh andatevi a riporre: andate via, ecc. 2 Umanamente parlando. 3 È un male, è una calamità. 4 Dà di piglio. 5 Uno dei deputati della commissione speciale di sanità pel colera. 6 Al più. 7 Si può salvare. 8 Sono. 9 San Rocco è il nome di un ospedale di ostetricia. Molte donne vanno ivi a sgravarsi in segreto. Erasi in Roma sparsa opinione che le donne incinte andassero esenti dal contagio colerico.

Pijji un grancio,1 Sciriàco,2 abbi pascenza.
A Rroma tanto,3 è inutile, per dia!4
Sc'è la bbeata Vergine Mmaria
e l'Angelo custode che cce penza.

Eppoi te vojjo fà ccapasce, senza
tante sciarle der cazzo. Er Casamia,
che nun è stato mai trovo5 in buscia,
di', l'ariporta o nnò st'appestilenza?

Ste raggione me pareno raggione.
E, a la peggio, te credi ch'er governo
nun pijji quarche ggran precavuzzione?

A bbon conto er decane de Der Drago6
disce che sse farà 'na priscissione;
e vvederai che ss'inibbisce er lago.7

7 agosto1835

-------------------

1 Prendi un equivoco. 2 Ciriaco. 3 In quanto a Roma. 4 Per dia,invece di per dio:mezzo giuramento.
5 Trovato. 6 Il servitor decano del cardinale Del Drago. 7 Allagamento del Circo Agonale, che si usa in tutti i sabati e nelle domenichhe d'agosto. Si credeva che quella umidità potesse nuocere in simile circostanza; ma poi non fu il lago vietato.

Senti, Tribbuzzio:1 a ddilla2 cqui, a rrigore,
io sto ccor zor Marchionne e cco Cciriàco,
perché ssò ddar curato de Subbiaco
che mmòribbus siggnifica se more.3

De resto der collèra io me ne caco;
e avenno inteso a ddí ppiú d'un dottore
ch'er rimedio è lo stà de bbon umore,
maggno, ingrufo,4 spasseggio e mm'imbriaco.

Chi è ssuddito fedele e bbon cristiano,
s'ha da lassà ddirigge, e ffà ssortanto5
quello che vvede praticà ar zovrano.

Te ggiuro da quer povero Sirvestro
che ssò,6 cch'io stimo st'infruenza quanto
er padroncino mio stima er maestro.

10 agosto1835

-------------------

1 Tiburzio. 2 A dirla. 3 Si muore. 4 Ingrufare. vale: «coire». 5 Deve lasciarsi dirigere a fare soltanto.
6 Che io sono.

Eh! a cche sserveno mai tanti conforti?
È ita pe nnoantri disgrazziati.
Sapete chi hanno fatti deputati
si er collèra vierà? Pprímoli e Ttorti.

Questi tra lloro se sò1 ggià accordati
che la povera ggente se straporti2
ar lazzaretto, indov'escheno morti
tutti quelli che cc'entreno ammalati.

E li ricchi staranno in ne l'interno
de casa lòro, curati e assistiti
da un medico e un piantone der governo.

Oh annate a ccrede3 ch'er Vangelo poi
abbi torto discenno4 all'arricchiti:
Vè vòbbisis, ciovè bbeati voi!

16 agosto1835

-------------------

1 Si sono. 2 Si trasporti. 3 Andate a credere. 4 Abbia torto, dicendo.

Tutto va bbe'1 ma cqui li cardinali
bbiastimeno2 e sse troveno3 imbrojjati
perché la truppa nun pò ddà ssordati
da mannalli4 a gguarní li littorali.

Dunque vonno ch'er popolo s'ammali
quanno la forza sc'è? Ssiin'ammazzati!
E nun ciànno5 un esercito de frati
co li loro fetenti ggenerali?

E Ppassionisti, e Scolopi, e Tteatrini,6
e Ppavolotti, eppoi Domenicani,
eppoi Serviti, eppoi Bbenedettini,

eppoi tante e ttant'antre bbaraonne!7
Bbasta de lassà stà8 li Francescani
pe nun fà rribbellà ttutte le donne.

17 agosto1835

-------------------

1 Va bene. 2 Bestemmiano. 3 Si trovano. 4 Mandarli. 5 E non ci hanno,ecc.: e non hanno.
6 Teatini. 7 Tante altre baraonde. Baraondaè «quantità confusa di cose e di persone, che si rimescolano insieme. 8 Lasciar stare.

Pe l'appunto, a pproposito de frati,
curre la sciarla mó1 ggnente de meno2
ch'er collèra è l'affetto3 d'un veleno
bbono da fà mmorí ttutti li Stati.

Ir quale er monno4 s'è scuperto pieno
de funtane e de pozzi avvelenati
da sti servi de Ddio nostr'avocati
pe bbuggiaracce a tutti a ccel zereno.5

Io perantro6 papeggio,7 e ssò rregazzo
de fregammene8 assai; ché ppe sta strada
lòro, per dio, nun me la fanno un cazzo.

A mmé nun me s'inzeggna sto latino.
Sull'acqua ponno fà cquanto j'aggrada,
purché nun zia9 d'avvelenamme er vino.

17 agosto 1835

-------------------

1 Corre ora la voce. 2 Niente di meno. 3 L'effetto. 4 Vale a dire che il mondo. 5 Per rovinarci tutti come va. 6 Peraltro. 7 Faccio come fa il Papa. 8 Di ridermene. 9 Non sia.

Disce: sce vò alegria. Sí, ccor un male
che ffa 'ggni ggiorno discidotto mijja!
Ce poterà stà alegro un cardinale,
ma nnò un povero padre de famijja.

Vedesse1 cascà mmorti ar naturale
mó la mojje, mó un fijjo e mmó una fijja,
com'è vvero er peccato è un carnovale
d'annacce2 a sbeffeggià cchi sse ne pijja!

Saría3 curioso de sapé, ssi4 Llotte
lassava fijji immezzo a la Bbettàpoli,
si ttrincava lui poi tutta la notte.

Chi la penza da omo è er Re de Napoli,
che cconzijjato da perzone dotte
vò5 cche ppe un anno siino tutti scapoli.

18 agosto1835

-------------------

1 Vedersi. 2 Da andarci. 3 Sarei. 4 Se. 5 Vuole.

10°

Anzi, ar padrone mio j'ha ppropio scritto
da Bbologgna un zenzale de salame
che essennose1 scuperto in ne l'Iggitto
che ppe l'Uropa sto collèra infame

viè ffora da li polli dritto dritto,
e ppò ancora infettà ll'antro2 bbestiame,
er Re de Napoli ha mmesso un editto
che ss'ammazzi 'ggni sorte de pollame.

Ma ppare che cquer povero Bertollo3
abbi fatto una lègge da cazzaccio
che in ner zu' reggno nun ce resti un pollo.

E ssai io che pproggnostico je faccio?
Che in quer frufrú4 jje tireranno er collo
puro5 a llui pe ccappone6 o gallinaccio.

19 agosto1835

-------------------

1 Essendosi. 2 L'altro. 3 Bertoldo. 4 In quella confusione, in quel tumulto. 5 Pure. 6 In quel tempo era il Re di Napoli creduto inabile a generare.

11°

Sentite st'antra1 de quer Re Ccoviello.
Tra li su' Stati e li Stati Romani
mó ccià ffatto tirà ttutt'un cancello,
pe nnun fà ppassà ppiú mmanco li cani.

Bbast'a ddí cche cquer povero Angrisani2
fu affermato ar confine de Portello,3
sibbè pportassi4 du' napolitani
che jje vanno5 du' cause in appello.

Lui chiunque trapassa li confini,
fussi6 magaraddio7 Ponzio8 Pilato,
vò cche ffacci9 la fin de l'assassini.

Saria bbella ch'er Papa, c'ha ppenzato
d'abbandonacce10 e annà a Mmonte-Casini,11

sce morissi12 un tantino fuscilato

.

19 agosto1835

-------------------

1 Quest'altra. 2 Gerente di una diligenza fra Roma e Napoli. 3 Portella. 4 Sebbene portasse.
5 Ai quali vanno, ecc. 6 Fosse. 7 Magari, anche. 8 Ponzio,pronunciato con entrambe le o chiuse.
9 Vuol che faccia. 10 Di abbandonarci. 11 Montecassino. 12 Morisse.

12°

Ôh er Re de Francia poi, disce er padrone,
nun fa ste bbuggiarate de sicuro,
e nun spenne1 quadrini in gnisun muro,
né ffratta, né ccancello, né pportone.

Pe llui sc'è Iddio c'ha da penzà ar futuro
e cquanno esscí er collèra da Tullóne2
sai lui che ddisse? «Oh ffutre! oh ssacranone!
Vien le collèrre? favorischi puro».3

Questi sò4 Rre de garbo, ommini rari,
da nun mette5 li sudditi in spavento
e da nun fajje6 ruvinà l'affari.

Perché ppoi sto collèra, o ffora o ddrento,7
fatto c'abbi er zu' corzo, fijji cari,
è una spesce8 d'un cammio9 ar zei per cento.

19 agosto 1835

-------------------

1 E non ispendere. 2 Tolone. 3 Favorisca pure. 4 Sono. 5 Da non mettere. 6 E da non fargli, non far loro, ecc. 7 Comunque si voglia. 8 Specie. 9 Cambio.

13°

Fa ccusí er zor Gianfutre? E er nostro frate
fusajjaro1 e mmercante de stuppini2
n'ha pprese tutte quante le pedate,
ché pp'er collèra nun vò ddà cquadrini.

Sai c'ha ddetto a Bbernetti e a Ccammerini?3
Che li quadrini, a ccose piú avanzate
lui li farà ccacà a sti bbagarini
de bbanchieri e a le case intitolate.4

E de sti Papi ce se disce intanto
che sse fanno e sse5 metteno in palazzo
pe spirazzion de lo Spirito ssanto?

De che? Spirito ssanto a sti Neroni?
A sti ggiudii?6 Spirito ssanto un cazzo:
Spirito ssanto un paro de cojjoni.

20 agosto1835

-------------------

1 Fusagliaro:venditor di lupini. 2 Stoppini, lucignoli 3 I Cardinali Bernetti e Gamberini, segretari di Stato, che pei primi divisero fra loro gli affari esteri e gl'interni. 4 . Titolate. 5 Sì
6 Giudei.

14°

Zíttete llí, sboccato: sò1 pparole
da dísse2 queste ccusí a la sicura?
Nu lo sai che qui pparleno le mura?
Ma cche davero3 vòi ggiucatte4 er zole?

Si tte5 sente quarcuno che jje dole,
poverettaccio te! Nun hai pavura
che tte mannino a Ttermini6 addrittura,
a ggiucà cco le pale e le cariole?

Te ne vo' annà ttu ppuro7 in ne la schiera
dell'antri8 galeotti esercitanti
a ffà la priscissione p'er collèra?

Eppuro9 l'hai veduti tutti quanti,
incatenati, a rritornà in galera
co cquattro torce e 'r croscifisso avanti.10

20 agosto1835

-------------------

1 Sono. 2 Da dirsi. 3 Davvero. 4 Vuoi giuocarti. 5 Se ti. 6 Terminiè il nome della piazza ove sorgono le rovine delle Terme di Diocleziano. 7 Te ne vuoi andar tu pure. 8 Degli altri. 9 Eppure. 10 La funzione che qui si ricorda è di storica verità. I galeotti ebbero gli esercizi di penitenza onde ottenere da Dio pietà per loro e per noi. Nell'ultimo giorno delle sacre funzioni ricevettero tutti la eucaristia, nel forte S. Angiolo, e quindi così santificati furono ricondotti processionalmente e in catene al loro bagno ne' vecchi granai dell'Annona alle Terme.

15°

Ce sò1 arfine arrivati finarmente
a ffà ttutte l'usanze a la francese.
Nun z'ha da seppellí ppiú nne le cchiese
la carne bbattezzata de la ggente!

Antro che mmó2 sta Pulizzia fetente
s'è accorta che pproggiudica3 ar paese?
E ddar tempo d'Adamo all'antro mese,4
cosa j'aveva fatto? un accidente?

Vedé bbuttà li poveri cristiani,
li nostri padri, le nostre crature5
ner campaccio, per dio, come li cani!

Pe la moda e le su' caricature,
s'ha da mette6 la lègge a li Romani
de spregà ttante bbelle sepporture!

21 agosto1835

-------------------

1 Ci sono. 2 Altro che ora, solamente adesso. 3 Arreca pregiudizio. 4 È circa un mese che il terrore del cholera ha fatto finalmente riconoscere il reo pregiudizio, per cui le inumazioni nei cimiteri si riguardava come una empia profanazione. 5 Creature. 6 S'ha da mettere.

16°

Che bbisoggno sc'è ppoi de scimiteri
pe sseppellí? Sò ttutt'erba bbettonica,
oggniquarvorta è aritornato jjeri
quer Fra Bbennardo che gguarí la monica.1

Nun zai2 che llui co la su' bbrava tonica
se n'è ito a ddí ar Papa che nun speri
d'empilli,3 e tte j'ha ffatto una canonica4
perché sse sta a ppijjà5 ttanti penzieri?

Lui sce ggiura e spergiura ch'er collèra
fin che sta a Rroma lui sc'è ttropp'ostacolo
che cc'entri, e l'aspettallo6 è una ghimera.7

E, a la peggio che ssia, su' riverenza
metterà mmano a un pezzo de miracolo
pe ffallo8 aritornà vvia de fughenza.9

21 agosto 1835

-------------------

1 La monaca, che si disse da lui miracolosamente guarita da una cronica e mortale afagia, mercé l'ingollamento di un bicchier d'acqua con un pezzo di pane ivi immerso, fu suor Maria Beatrice di S. Carlo Borromeo delle perpetue adoratrici del Sacramento, già al secolo Flaminia Belli e sorella di un G. G. Belli che s'impaccia di scriver versi italiani ad un tempo stesso e non italiani.
2 Non sai. 3 Di empirli. 4 Intemerata. 5 Si sta a prendere. 6 L'aspettarlo. 7 Chimera. 8 Per farlo.
9 Di fuga.

17°

Io poi, regazzi mii, saranno vere
tante terrorità cc'ariccontate,
ma, o ppezzi de vangeli o bbuggiarate,
nun me ne vojjo dà ggnisun penziere.

Vienghi,1 nun vienghi, sciarimedi2 er frate,
nun ciarimedi, lo porti er curiere,3
nu lo porti... pe mmé c'è bbon bicchiere
da passà ffiliscissime ggiornate.

Tutta sta gran pavura d'ammalamme?4
E cche gguaio sarà? Ttanto una vorta
o pprest'o ttardi ho da stirà le gamme.5

Mica è una cosa nova che sse more;6
e ttoccassi7 a mmé ppropio a uprí la porta,
l'èsse8 er primo, per dio, sempre è un onore.

8 agosto1835

-------------------

1 Vengo. 2 Ci rimedi. 3 Il corriere. 4 Di ammalarmi. 5 Gambe. 6 Si muore. 7 E se toccasse. 8 L'essere.

18°

E cquello che ddisceva Titta1 Papi,
ch'er collèra ha ppavura a annà2 ppe mmare?
Sentirete che bbuggera, compare,
e ssi cc'è da fidasse de sti ssciapi!3

Io mó er collèra a Pponte Quattro-capi3b
ho inteso da un zorgente4 militare
che ggià ha ffatto mortissime caggnare5
ggnente meno6 c'all'isola de Crapi.7

Dunque lui p'er marittimo sce viaggia:
perch'io credo c'all'isole navale
a un dipresso sce s'entri da la spiaggia.

Come poi viè cquer zervitore ingrese
je vojjo dí8 ssi9 un'isola è un locale
che sse pòzzi10 isolà ccome un paese.

31 agosto1835

-------------------

1 Giambattista. 2 Andare. 3 E se c'è da fidarsi di questi imbecilli. 3b Nome venutogli da alcuni ermi di Giano quadrifronte ivi collocati. 4 Sergente. 5 Moltissimo strepito. 6 Niente meno. 7 Di Capri. 8 Gli voglio dire, domandare. 9 Se. 10 Si possa.

19°

Sapete? er fijjo de Monzú Bboietto1

ha scuperto che un po' de corallina
è la vera e fficaccia2 mediscina
pe gguarí sto fraggello bbenedetto.

Ma gguarda un po' cchi cce l'avessi detto!
Che cquello che cce daveno in cuscina
co la pappa coll'ojjo la matina
fussi3 bbono da fà ttutto st'affetto!4

Eh! a ccolazzione n'ho mmaggnata tanta
ne le pizzette fritte io da cratura!
E ppe li vermini è una mano santa.

Dunque er collèra è un vermine addrittura.
Ebbè ssi mmó5 sto vermine sciagguanta,6
nun annamo7 ppiú un cazzo in zepportura.

31 agosto1835

-------------------

1 Monsieur Boyer fils de Nîmes. 2 È la vera ed efficace. 3 Fosse. 4 Questo effetto. 5 Se ora. 6 Ci agguanta, ci afferra. 7 Non andiamo.

20°

Ggià è scartato er rimedio der Bojetto.
Adesso tutto er gran preservativo
conziste in un tantin d'argento-vivo
drent'una penna che sse1 porta in petto.

C'è pperò cchi lo ggiudica noscivo;
e ar fijjo der padrone der giacchetto
un medico gnobbatico2 j'ha ddetto
che ppò offenne er zistemo indiggestivo.3

E cch'er vero segreto che ss'è ttrovo4
è appricasse5 a lo stommico de fora
un cordoncino co un baiocco novo.

Er rimedio è assai commido,6 ma intanto
bbisoggneria sapé sta cosa ancora:
si7 ha da toccà la pelle o ll'arma o er zanto.8

2 settembre1835

-------------------

1 Si. 2 Omiopatico. 3 Che può offendere il sistema digestivo. 4 S'è trovato. 5 Applicarsi. 6 Comodo. 7 Se. 8 Armae santosono chiamate le due facce delle monete nel marroncinoe in altri consimili giuochi del popolo.

21°

È una sscena! Cqua oggnuno ha er zu' segreto.
Chi vvò1 er cannello, chi vvò la patacca,2
chi er làvudon,3 chi er thè, chi una casacca
de fanella,4 chi er vischio de l'abbeto:5

uno canfora, uno ojjo, e un antro6 asceto:
questo vò che sse dormi7 co 'na vacca:
quello disce ch'er male nun z'attacca
a le donne che in corpo abbino er feto...8

Sta vertú cche ppò avé la gravidanza
mó ha ccressciuta la rabbia in ne le donne
de fasselo9 infilà ddrent'a la panza.

Per cui mariti, amichi e confessori
nun arriveno a ttempo a ccorrisponne10
a ttante ordinazzione de lavori.

settembre1835

-------------------

1 Chi vuole. 2 La moneta. 3 Il laudano. 4 Di flanella. 5 Dell'abete. 6 Un altro. 7 Si dorma. 8 Pronunciasi colla e stretta. 9 Di farselo. 10 Corrispondere.

22°

È vvero, è vvero: l'ho ssentito io
predicallo1 da un prete all'Orfanelli.2
Disce: «Er collèra viè,3 ccari fratelli:
prepàrete a mmorí , ppopolo mio.

Ma ppuro conzolàmose,4 ché Iddio
ner visitacce5 co li su' fraggelli,
quarchiduno n'accettua6 de quelli,
e ssi7 ammazza er nipote, assorve er zio.

Semprigrazzia, ssce sò8 pprove sicure
ch'Iddio le donne gravide le sarva
pe vvia9 de quele povere crature».10

Ccusí ddisse la predica, fijjole.
Cqua nun ze11 tratta de fiori de marva:
a bbon intennitor poche parole.

17 settembre1835

-------------------

1 Predicarlo. 2 Nella chiesa di S. Maria in Aquiro, appartenente al Collegio Salviati, detto degli Orfani.
3 Viene. 4 Ma pure consoliamoci. 5 Nel visitarci. 6 N'eccettua. 7 E se. 8 Ci sono. 9 Per riguardo.
10 Creature. 11 Qua non si.

23°

Io me sò1 stato zzitto inzin'adesso
pe ffà pparlà sta bbella compaggnia.
Mó vvojjo crede che mme sii promesso2
doppo quelle dell'antri3 er dí4 la mia.

Volenno arraggionà, st'ammalatia,
ciovè sta colla-morbida, a un dipresso
pe cquer che ssento dí pare che ssia
un'usscita che vvadi pe ssuccesso.5

Bbè, la diarella,6 ossii la cacarella,
tutti sanno che vviè7 da debbolezza
d'intestibbili8 oppuro9 de bbudella.

Quanno sta verità ss'è bben capita,
o er male nun ze piija,10 o ss'arippezza11

co 'na bbona fujjetta12 d'acquavita.

8 settembre1835

-------------------

1 Mi sono. 2 Ora voglio credere che mi sia permesso. 3 Degli altri. 4 Il dire. 5 Che vada per secesso.
6 La diarea. 7 Che viene. 8 Di intestini. 9 Oppure. 10 Non si piglia. 11 Si rappezza, si rimedia. 12 Foglietta.

24°

Cqua nun c'entra fujjetta né bbucale:
questo è affare de lettre e dde bbijjetti.
Mó un professor de storia ar naturale1

scrive da Francia ar Cardinal Bernetti,

dove disce accusí: «Ssor Cardinale,
si2 a ttutto er giorno quinisci3 l'inzetti4
nun zò5 arrivati a Rroma a pportà er male,
lei per antri6 sei mesi nu l'aspetti».

Tutto dunque er pericolo cqui ddura
sin a mmezzo settembre a mmezza-notte:
sonata che cquell'è, Rroma è ssicura.

A mmezzo marzo poi forze vieranno7
antri8 bbijjetti de perzone dotte
pe spostà er male e prologallo9 a un anno.

8 settembre1835

-------------------

1 Di storia naturale. Dicesi che fosse il signor Alessandro Moreau de Jonnès. 2 Se. 3 Quindici.
4 Gl'insetti. 5 Non sono. 6 Per altri. 7 Forse verranno. 8 Altri. 9 E prorogarlo.

25°

Furtunato chi aveva, co sta jjella,1

generi cojjoniali2 in magazzino,
come cacàvo,3 zzucchero, cannella,
ojjo de Lucca, spirito de vino...

E li mercanti? pe ccristallo fino!
V'abbasti4 sto tantin de bbagattella,
che in tutta Roma, a ppagallo5 un zecchino
nun ze trova6 ppiú un parmo de fanella.7

E li sori8 spezziali, eh, cc'antra bbega?9
Hanno vennuto10 pe ttre vvorte er costo
li ppiú rrancidi fonni11 de bbottega.

Semo llí:12 ssi er collèra a nnoi sce cosce,13
a cquell'antri14 je pare un ferragosto.
Nun tutt'er male ar monno15 viè ppe nnòsce.16

13 settembre1835

-------------------

1 Con questa fatale sciagura. 2 Coloniali. 3 Caccao. 4 Vi basti. 5 A pagarlo. 6 Non si trova. 7 Flanella.
8 E i signori. 9 Eh, che altra faccenda, che altro negozio. 10 Venduto. 11 Fondi. 12 Siamo lì. 13 Ci cuoce, ci duole. 14 A quegli altri. 15 Al mondo. 16 Viene per nuocere.

26°

Inibbí1 le commedie?! E in che maggnera2
v'immagginate sta lèggiaccia infame?
Tanto bbene,3 sor faccia de tigame,4
s'opre er teatro, e sta notizzia è vvera.

Un povero garzon de faleggname
che ciabbusca du' pavoli5 pe ssera,
pe nnun morí ddomani de collèra
s'averebbe oggi da morí de fame?

Nun ve pòzzo negà cc'ar zor Paterno6
je fa er culo un tantin de lippe-lappe,7
io però ddico che cce vince un terno.

Perché, famo er collèra che vvienisse,8
co ttutta la pavura in ne le chiappe
chi rresta vivo vorà ddivertisse.9

30 agosto1835

-------------------

1 Inibire. 2 In qual maniera. 3 Sicuramente. 4 Di tegame. 5 Ci busca, ci guadagna due paoli.
6 Giovanni Paterni, impresario dell'opera. 7 Sta alquanto in orgasmo. 8 Facciamo, supponiamo che il cholera venisse. 9 Vorrà divertirsi.

27°

Ôh, vve porto una nova. Du' paini
hanno detto in bottega che stasera1

s'è asviluppato un russio2 cor collèra
a la locanna de monzú Ppiastrini.3

Disce che de llí intorno li viscini
sò ddiventati statue de scera;
e er Ggoverno ha spidito all'affrontiera4
pe llevà li cordoni a li confini.

C'è cchi vvò5 che cce sii quarche speranza
che sto russio de cristo abbi diverzi
vermini solitari in ne la panza.

Ma er medico ch'è ito a ddenunziallo,
lui li su' passi nun vò avelli perzi,6
e ssostiè cch'è un collèra da cavallo.7

8 settembre1835

-------------------

1 Fu il 5 settetibre 1835. 2 Un Russo. 3 Pestrini. 4 Alla frontiera. 5 Vuole. 6 Non vuole averli perduti.
7 Cholera assai violetto; come pur dicesi febbre da cavallo,ecc.

28°

Perché nnun c'ereno antri1 guai, stasera
scappeno fora cor collèra a Ancona.
Mó, ammalappena2 una campana sona,
sona a mmorto, e sto morto è de collèra.

Sarà ccrepata ar piú cquarche pperzona
de fonghi, o dde lumache o ffichi o ppera...
Ebbè, ddich'io, sc'era bbisoggno, sc'era,
de tutta sta chiassata bbuggiarona?

Nun zerve, cqua er collèra, sor Rimonno,3
se lo vanno a ccercà ccor moccoletto:
lo chiameno, per dio!, propio lo vonno.

Quer ch'è ccerto è cc'a Ancona li facchini
se moreno4 de fame, e mme l'ha ddetto
'na riverea5 de Monziggnor Pasquini.6

22 agosto1836

-------------------

1 Altri. 2 Appena. 3 Signor Raimondo. 4 Si muoiono. 5 Una livrea:un servitore. 6 Monsignore Asquini, allora delegato apostolico in Ancona.

29°

Antro1 che Ancona! quer futtuto male,
malgrado li rigori der cordone,
dava de griffo2 a ccentomila Ancone,
senza er congeggno3 der dottor Vïale.

Nun zapete4 che llui cor cannocchiale
vedde5 er collèra in forma de dragone,
e ggnisun antro medico cojjone
aveva mai scuperto st'animale?

Che bbrutta bbestia! Ha un par de corna armate
com'er demonio: porta l'ale: è ppiena
d'artijji, e nnera poi com'un abbate.

Figurete6 che ssorte de sfraggello7
ha da fà in corpo a un pover'omo, appena
je s'arriva a ccaccià ddrent'ar budello!

29 settembre1836

-------------------

1 Altro. 2 Dava di piglio. 3 Se non era l'ingegnosa operazione. 4 Non sapete. 5 Vide. 6 Figurati. 7 Flagello.

30°

Oh ssentite mó st'antra bbuffonata
c'ha ffatto a Ancona er zor dottor Cappello.
Va cco un cappuccio in testa, e sott'a cquello
tiè un guazzarone de tela incerata.

Sopr'un occhio sce porta uno sportello
de vetro, e in mano un fasscio d'inzalata.
De grazzia, e da ch'edè1 st'ammascherata?
Da pajjaccio, da Cola o da Coviello?

Bbasta, lui co sta bbella accimatura
se2 presenta a l'infermi accap'a lletto
pe sballalli3 ppiú ppresto de pavura.

Defatti appress'a llui passa er carretto,
e straporta ppiú mmorti in zepportura
che nun tiè4 er Papa cardinali in petto.

31 agosto1836

-------------------

1 E da che è. 2 Si. 3 Per ispacciarli. 4 Non tiene.

31°

Chi vvò pperzeverasse1 dar collèra
er medicasse2 è inutile, Luviggi.
In st'impiastri e llavanne e zzuffumiggi
è un cojjone er cristiano che cce spera.

La mediscina che ppò ffà pprodiggi
è la Madonna, e la Madonna vera
è cquella tar3 Madonna furistiera
de la medajja nova de Pariggi.

Però, ssi4 la medajja nun è ovale,
la grazzia, fijjo, nun ze pò arisceve,5
e in cammio6 de fà bbene faría male.

De resto, o vvino bbianco, o vvino rosso,
ggnente, nun ciabbadà.7 Ttu mmaggna e bbeve,8
bbasta che pporti la medajja addosso.

23 settembre1836

-------------------

1 Chi vuol preservarsi. 2 Il medicarsi. 3 È quella tal. 4 Peraltro, se. 5 Non si può ricevere. 6 E in cambio. 7 Niente, non ci badare. 8 E bevi.

32°

«Bbe'? cquanno s'arïoprono le porte
de sta povera Ancona sfraggellata?»
«Er quattro de novemmre, ha detto Tata,1

sarvo sia caso2 de quarc'antra3 morte».

«E cche discevi de messa cantata
sotto-vosce a Mmattia? ridillo forte».
«Discevo che sse4 canta pe la sorte
che ssan Ciriàco5 suo l'abbi sarvata».

«E cche jj'è ssan Ciriàco?» «Protettore».
«E da che ll'ha pprotetta?» «Dar fraggello.
«E li morti?» «E li vivi, sor dottore?».6

«Spieghete».7 «E in certi casi accusì bbrutti
vòi8 miracolo grosso ppiú de quello?»
«Sarebb'a ddí'?» «Che nun zò9 mmorti tutti».

30 ottobre1836

-------------------

1 Papà, babbo. 2 Salvo il caso. 3 Di qualche altra. 4 Si. 5 S. Cirìaco, protettore d'Ancona. 6 Signor dottore,quasi «temerario». 7 Spiègati. 8 Vuoi. 9 Non sono.

33°

Er collèra sta a Nnapoli, fratelli,
e sta a Ggaeta e in tre o cquattr'antri lochi,
e ppe ttutto li morti nun zò ppochi
e ll'imballeno a sson de campanelli.

Inzomma, ecchesce cqua,1 fijji mii bbelli,
ciaritrovamo2 immezzo tra ddu' fochi.
'Ggna penzà3 ddunque a ddiventà bbizzochi
pe mmorí ccom'e ttanti santarelli.

Mó ttocca a cqueli poveri cafoni,
e inzin che ccianno4 sta pietanza addosso
nun ze5 maggna ppiú un cazzo maccaroni.

Oggi o ddomani poi toccherà st'osso
de rosicallo a nnoi. Bbe', ssemo6 bboni
e llassamo fà7 a Ddio ch'è ssanto grosso.

novembre1836

-------------------

1 Eccoci qua. 2 Ci ritroviamo. 3 Bisogna pensare. 4 E insino a che ci hanno, a che hanno, ecc.
5 Non si. 6 Siamo. 7 E lasciamo fare.

34°

Ma ttutt'a ttempi nostri! E ccaristía,
e llibbertà, e ddiluvi, e ppeste, e gguerra,
e la Spaggna, e la Francia, e ll'Inghirterra...
Tutt'a li tempi nostri, Aghita1 mia.

Adesso ha da vení sto serra-serra
de porcaccia infamaccia ammalatia,
pe sturbà Rreggno2 e pportaccese via3
quer povero Scetrulo de la Scerra.4

Puro5 pe Ppurcinella meno male:
chi sta ppeggio de tutti è Ggesucristo
c'ha pperzo6 la novena de Natale.

Hai tempo a ffà ppresepî e accenne artari:7
questo è er primo Natale che ss'è vvisto
senza manco un boccon de piferari.8

24 dicembre1836

-------------------

1 Agata.

2 Il Regno di Napoli è chiamato assolutamente Regno.

3 E portarcisi via.

4 Cetrulo(Pulcinella) della Cerra.

5 Purtuttavia.

6 Che ha perduto.

7 Accendere altari.

8 Non fu dato accesso nel nostro Stato ai pifferai,gente regnicola, che vengono ogni anno a far novene.