LIBERTA' E LIBERAZIONI

4 giugno 1944

SETTANTACINQUE ANNI DALLA LIBERAZIONE DI ROMA

di Tonino Tosto

Settantacinque anni fa Roma dopo nove durissimi mesi di occupazione nazi-fascista veniva liberata. Ispirandomi alle testimonianze e alle storie contenute nel mio libro "4 giugno 1944, Roma libera" ho scritto il testo teatrale "Roma libera!" rappresentato in diversi teatri nazionali (Auditorium Parco della musica...) e internazionali (Washington, Philadelfia, Buenos Aires, Rosario, Mar del Plata).

Qui riporto alcune scene dello spettacolo. 

ASSUNTA -10 giugno 1940... Quel giorno mio marito Vittorio era uscito da casa tutto agitato - faceva sempre così quando parlava il duce...

  • Devo annà dice ch'er duce sta pe dà un annuncio importante: se dice che entramo in guerra...era ora...basta de sta alla finestra!

Io jé feci, dico:

  • Beh vengo pure io?
  • Ma che stai a scherzà? Sai che confusione che ce sarà, che voi sgravà mi fijo Benito a Piazza Venezia?

Avevo diciassette anni...ero una ragazzina e non lo sapevo...stavo per diventare madre e non lo capivo...

Mio marito torna a casa e me fa, dice:

  • Valeria, parto volontario! er duce ha detto che la Patria ce chiama...

Manco ha visto come era fatto il figlio, che poi era femmina e decisi da sola che non la potevo chiamare Benita e allora jé misi nome Marisa, ... che è mejo nò?! Lui al fronte e noi a 'spettà una lettera, una notizia... quelli dicevano che tutto andava bene...che vincevamo dappertutto... alla radio si sentivano solo allegre canzoni,al cinema c'erano tutte belle storie, al varietà si rideva, insomma tutto luccicava e tu che potevi pensà: finirà presto, presto finirà...e accesi la radio pe nun piagne...

..............................

NARRATORE - La guerra non si concluse in quattro settimane...tre anni di falsi bollettini di guerra - che la radio trasmetteva interrompendo i programmi - per comunicare vittorie inesistenti e avanzate inventate...era luglio...

..............................

ASSUNTA - La sera del 18 luglio del 1943 stavamo a piazza dei Sanniti davanti al portone di casa e mia figlia Marisella di tre anni mi chiese un gelato... Non avevo soldi, non glielo potevo comprare ma le promisi che il giorno dopo lo avrebbe avuto... e lei con questo promessa s'addormentò... "Domani mamma te compra un gelatone co la crema e cor torrone..."

Il 19 luglio era il giorno in cui mi pagavano il sussidio, per mio marito che combatteva al fronte...

Volevo portare con me Marisa, la vestii con un abito di taffetà color corallo che avevo comprato giorni prima, ai piedini le infilai degli zoccoletti rosa...

Silvana, mia sorella, mi disse:

  • lasciami la pupa, co sto callo ndo' la porti?

E io la lasciai...la lasciai...

Presi il tram numero 10 e su viale XXI Aprile suonò l'allarme. Il tranviere fermò e fece scendere tutti.

Tornai correndo verso casa. Il mio palazzo era sbragato...era come se fosse sdraiato, nessuno mi sapeva dire niente era tutto un chiamasse...

C'era un polverone che te riempiva la gola e non si riusciva a parlare.

Mi resi conto che la mia vita stava la sotto.

Da mattina a sera stavo immobile a guardare gli uomini che scavavano.

La polvere aumentava. L'acqua la vendevano a 5 lire al bicchiere a piazzale Tiburtino.

Non so come e quando ma venne Ortica...quello che gira co li burattini e er teatrino sulle spalle... che jé dicheno er matto...quello che fa ride tutti...e con una faccia seria seria mi disse solo na parola:

  • Marisella...

e me mise in mano uno zoccoletto rosa... poi, come se si vergognasse, corse verso il Verano... Marisella la ritrovammo impastata con la terra e la pozzolana e con lei mia suocera, mia sorella Silvana e mia cognata Maria anche lei di 20 anni. Marisella portava ancora il suo zoccoletto rosa...


CANZONE "SOGNO"

Scoppiavano le stelle verso il mare

che il cielo te pareva andasse a fondo

cascavano le case e in tutto il mondo

sperammo di potella raccontà

E ogni notte l'alba accenderà

me 'nsogno amore mio che stai a tornà

Raccogli li mattoni a uno a uno

che ancora sò de sangue e sò de fumo

Con l'unghia ce rifai le fondamenta

e dentro casa poi me fai ballà

Me pijj pe la mano

e abbraccicati

volamo pe na notte

in libertà

Che si pe vive me bastasse un sogno

starei co l'occhi chiusi finché passa

così farei ogni notte un viaggio novo

senza paura de nun me svejà

E mentre intorno s'alzano le croci

e l'omo l'ombra sua vuole ammazzà

te sento ricantà la serenata:

"beato, chi vede la matina,

e con un bacio te pò fa svejà

sia benedetto er giorno che sei nata"

Ritorna per la pace l'orchestrina

e stai abbracciato a me senza parlà

............................

ORTICA "ER BURATTINARO MATTO" AL MERCATO DELLA BORSA NERA DI TOR DI NONA

Fuori scena si sente sbraitare

Cassandrino, Gambulunga, Pippetto... ridatemeli!! dove l'avete portati ....

(Ortica entra in scena e come si rivolgesse a tutti)

Daje! Tutti a comprà... quanto vale oggi la farina? e il burro?: come l'oro... che poi chi lo dice che l'oro vale se non vale piu' nemmeno la vita... che mangiamo a fa'? Tanto: sazi o digiuni ... che campano a fa?

Ridateme Pulcinella! ... pure li burattini ve metteno paura?

Ma me rivolgo lassu' me rivolgo... (finge di telefonare) ... pronto... si nun stai a benedì tutti li soldati di tutte le bandiere, co chi diavolo stai? Butta l'occhio su Roma, fai venire il diluvio universale e nascondi l'arca...pronto...m'hanno tagliato pure sti fili...

Ridateme Colombina e tagliatemi questa mano che una volta ha carezzato una ragazza ebrea... la razza impura... oh, ariani! nun ve scansate, nun avete paura de Ortica... manco le bombe fanno paura... ammazzano senza chiedete er permesso... Arrestatemi sono un sovversivo...voglio andare a lavorare in Germania pure io... L'ebrei dove, dove l'avete portati? voglio stare con loro... Ridatemi i burattini... che cosa ci fate? quelli sono di legno.. ce n'avete tanti in carne e ossa vestiti de nero... come a Voi... io li portava al sicuro... che tanto chi vuoi che oggi possa avere voglia di ridere con Rugantino e col Diavolo (imitando la voce dei fascisti)

  • Che ciai nel fagotto? Bombe? volantini? Che brutta faccia da bolscevico"

...hai voglia a dirgli:

- Vado verso fuori ... fuori dalle porte di Roma, in campagna... almeno là nel fieno non si sformano, poi quando sará il momento che torneremo a ride, a parlá...

  • Che cosa vorresti dire che adesso non si ride e non si parla?
  • Mica ciavrete paura dei burattini? Sono pezzi di legno...
  • "Se fossero solo pezzi de legno nun li metteresti in salvo"
  • Ridatemeli! Che ce faccio co sto teatrino su le spalle?
  • Dagli fuoco che fa freddo e il carbone manca!...

Arlecchino! Pulcinella!... papá sta qua... (rivolto alla gente) E voi? Sempre a guardare, a cercare l'ossi come li cani affamati...buttate per aria tutto, svotate ste borse nere piene de mercanzie che non potete comprà perché non ciavete i soldi che vogliono... arrestatemi... arrestate Ortica il Burattinaío sovversivo... Arlecchino mena col batoccio. Pulcinella canta, canta forte che questi si metteno paura pure de noi che servimo solo a fa ride la gente... e se la gente si ricorda come si ride so mazzate... Pulciné, ue, ue, ue.... Pulcinella, Arlecchino! Colombina! (esce chiamando i suoi burattini).


VERRA' LA LIBERTA' (Canzone tra due giovani innamorati)

Immagina con me

la città dei colori

inventa arcobaleni

e poi ridi volando

la guerra finirà

e vedremo anche il mare

ed il sole tornerà

voglio correre ancora

insegnami tu

E poi rinascerà

la città della vita

e tutto cambierà

scorderemo la morte

Su tram colorati

viaggeremo cantando

e la notte non verrà

se rimani con me

tu sei la libertà

e la notte non verrà

se rimani con me

tu sei la libertà


CANZONE "NINNA NANNA" (cantata da una mamma alla figlia)

Fa la ninna, fa la nanna

che si passa la buríana

t'arinninno dentro un letto

e te strigno forte ar petto

Ninna fijo bello

se potessi fallo

te mettessi l'ale

pe volà lontano

cresci presto fijo mio

e rifatte n'antro monno

fa tornà la luce e 'r giorno

com'ha comannato Dio

E domani senza bombe

senza fame né sordati

senza padri nelle tombe

finarmente libberati

Quanno sarai granne

e ciavrai la brace

nun scordatte er freddo

nun smorzà la pace