PER LA CRITICA

“POESIE SPARSE 1989-2008”

DI GIORGIO MOIO

di Michele Nigro

Questa raccolta poetica di Giorgio Moio che attraversa il tempo, andando dal 1989 al 2008, in realtà attraversa anche lo spazio, quello della parola: lo attraversa ignorandolo, ripensandolo in maniera dissacrante, eversiva, senza preoccuparsi di farsi comprendere dal lettore attuale. Sembra quasi che l'autore voglia parlare al lettore d'altri tempi racchiuso in noi, lettori social del nuovo millennio che in un certo qual modo siamo protagonisti inconsapevoli di un'involuzione linguistica.

Una poesia volutamente disgrammatica, disortografica, oserei dire dislessica se non addirittura autistica (la poesia è una forma controllata di "autismo linguistico" → v. Arthur Koestler), da non confondere con il risultato di uno sperimentalismo avanguardistico fine a se stesso: l'autore non guarda al futuro, all'evoluzione della lingua (o forse non solo!), ma sembra che abbia voglia (o abbia avuto voglia) di riscoprire un archè linguistico, smembrando la lingua che gli è capitata alla nascita, disarticolandola e riannodandola assecondando nuove combinazioni sillabiche e grafiche, o legandola ad altre straniere e a dialetti, in ibridi che scoraggiano un inutile senso di appartenenza letteraria (come nella Napoli dominata da francesi, spagnoli, americani... ognuno lasciando un'eredità non richiesta ma assimilata obtorto collo). Un nuovo modo di guardarsi indietro per rifare avanguardia; infatti leggo a pag. 18: "Bisogna fare tutto d'accapo / l'avanguardia è morta: / di sostanze e fibre nuove abbiamo bisogno; / a traslare il senso dobbiamo mirare!". Ma per traslare, a volte, bisogna scassare tutto, raccogliere i pezzi che ci servono e ricominciare su un nuovo foglio.

E la contaminazione/combinazione diventa gioco sonoro divertente, irriverente ricerca etimologica, anglismi e francesismi rubati e riplasmati, e affiancati da locuzioni di strada, rasentando in molti passaggi il nonsense perché la sensazione pura divenuta finalmente parola non deve cedere territori alla logica o, peggio ancora, alla metrica. E poi, i giochi grafici con ritagli di giornali e i collage di parole che ricordano gli esperimenti con la tecnica del "cut-up" di William Burroughs: il bisogno di decostruire certe convinzioni letterarie o più specificamente creative.

La parola riconquista i propri spazi; anche quelli semantici. L'acqua diventa accua: non per un capriccio sperimentale ma per un ritorno alle origini del significato, per riappropriarsi di una forma delle parole prima dell'era delle sovrastrutture politically correct. La poesia è politica. La scoperta di nuove calligrafie (vedi il film "Arrival") e le frasi circolari e concentriche, a formare disegni da non leggere in maniera ordinaria: come nei karesansui, i giardini dei templi zen in Giappone, dove linee concentriche e parallele create nella sabbia, rappresentano corsi d'acqua. In queste poesigrafie di Giorgio Moio le linee non sono semplici segni nella sabbia ma sono fatte di parole, frasi lunghe, forse versi. Infatti il titolo di una di esse ci ricorda che "La poesia non è come l'accua": le linee di cui sopra non sono rappresentazioni dell'acqua ma parole vere e proprie. Le poesigrafie non chiamatele "figure": non sono le immagini del libro, ma poesie a tutti gli effetti, come quelle altre normali scritte da sinistra a destra.

Non inserirò un esempio di poesigrafia: ve la dovete immaginare in base alle mie parole! O richiedetela direttamente all'autore (o accontentatevi dell'esempio in copertina).

Seguirà, invece, un'altra poesia altrettanto significativa della ricerca poetica di Moio:

Trittico

(in «Offerta Speciale», n. 8, Torino, novembre 1991 - rivista)

un omme ha la tête cousue
a wommen staare att the skyy
porta i segni della sciagura
('o linguaggio d' 'e muorti)
arpiona il fhanthasmha
libera le katenne a parole galeotte
mentulico unghiativo del sessofrutto
& at(t)thendhanth ('a nuttata e 'ppò 'a jurnata)
mentre nutre la smania di un sogno
un sogno mutabile in forma di nascitur
*
respiro di ok chi fenditi sui flili derba
la memoria rinuncia alleroe non alle croci
esistenza dazzurro skonsacrato dal palpito antico
con voce mentulika del mare tatuato
non si sa dove non si sa cuando
se uccide gloria
illesa
incognita illusa
o scava nell'accua o prisma il douleur
toutess le faççades duna gramigna
(e aussy haussy a un vortice di cicici)
*
se vomita bavoso
movita bovaso
vitoma bosavo
tomavi sabovo
tomiva sovabo
come la piscia
che
striscia liscia
a lasci di cespe
bisbiglia 'mbriglia
frolle bolle
ascosa assòca
le cils incandate
sur le tombe tombeau

SCARICA IL PDF DEL LIBRO