Un sonetto e versi scomposti in romanesco, pe l'Otto de marzo

FIOR DE MIMOSA

di Tonino Tosto

Quanno viè l'otto marzo, noi maschietti
portamo a le regazze la mimosa
bell'incartata dentro li mazzetti
che jé damo così a la presciolosa

Poi famo le mossette e li balletti,
cercamo quarche frase lacrimosa,
s'appiccicamo dolci, stretti-stretti
e dimo: senza donna è n'antra cosa!

Poi per un anno, fino ar sette marzo
se scordamo de esse femministi
e stamo alegri tra bambagia e sfarzo
dicenno: ciò da fa, se semo visti!
Le donne le penzamo de rimbarzo
e comannamo da poveri cristi!

E così ne st'eterno calendario
pe un giorno l'omo è straordinario

Io invece dentro a l'occhi de mi fija
vedo mi moje, mi madre e 'na famija
de maestre de vita, e 'gni matina
bacerebbe per terra 'ndo' cammina

Mi moje parla e sento la sapienza
de la vita vissuta, de la scienza
delle lotte, er dolor , la Resistenza
de chi nun se scappella a sua eccellenza
d'antichi canti, de chi soffre e penza
E l'amo perch'é Rosa è Colombini
è Nilde, Teresa, è Montalcini
è Alda, Carla, Tina, Margherita,
Sibilla, Settimia. È la mia vita
che pe fortuna mia 'n mezz a ste scene
pure pe Ferragosto me vo bene!