Libri & Libri

SERGE PEY
STORIE SARDE
DI ANIMALI PARTICOLARI,

DI DELITTI E DI SPERANZA

traduzione di Giovanni Fontana

Ed. Fermenti, Roma 2021

di Giovanni Fontana


Nel bene e nel male, i protagonisti di questi racconti di Serge Pey sono gli abitanti di Nurine, un piccolo centro immaginario da cui si dipartono percorsi montani, aspri e tortuosi, tanto fantasiosi quanto emblematici, che vanno ad individuare luoghi reali nella geografia di un territorio il cui baricentro è Gavoi, cittadina che affonda le radici nel neolitico, che fece parte del giudicato di Arborea e che raccoglie di fatto un patrimonio denso di eventi e di personaggi. Coprotagonisti nelle narrazioni sono gli animali, con i quali il rapporto della gente è stretto, avvolgente e talvolta inesorabilmente serrato nel gioco perverso della subalternità, che può assumere tinte drammatiche quanto grottesche, che può essere ironico e nello stesso tempo edificante attraversando trasparenti simbologie, in situazioni che però rasentano l'assurdo. Nei racconti si scoprirà come si possa essere il sosia di un cane o come un cane possa testimoniare ad un processo, come si possa essere l'amante di una mula o il tutore di un corvo, come un topo possa diventare un incendiario o perché il cadavere di un serpente sia stato seppellito in verticale, come le lucertole siano la parola dei morti e come le api li amino ricercando parole nelle loro bocche, come i passeri possano essere in carcere senza perdere la libertà, come sia raffinata l'intelligenza della volpe, perché un'anatra sia stata stuprata su un palcoscenico o perché l'eternità sia «un lupo che insanguina gli ovili con la sua fame inappagata».

_____________________________

Nato a Toulouse nel 1950, figlio di profughi catalani fuggiti dalla Guerra civile spagnola, Serge Pey, scrittore, poeta, artista plastico, è uno degli autori di punta della Poesia d'Azione. Osservatore attento delle tradizioni sciamaniche, è uno studioso della cultura amerindiana, ma nello stesso tempo il suo pensiero poetico affonda le radici nell'humus provenzale, nel cante jondo, nella storia dell'eresia catara e nello spirito anarchico. I suoi scritti poetici, narrativi e teorici sono permeati da un costante impegno civile e politico, dalla riflessione sul tessuto sociale in chiave etnologica e da un atteggiamento filosofico basato sulla funzione del poeta e sul ruolo della poesia al di fuori delle pagine del libro.