Le Parole fra Noi

CARMINE LUBRANO

Poesia

(26.8.18)

incipit poema coitus mundi giro giro tondo
sabato e domenica epifania distratta cangiullana
piedigrotta
dal latino di Villa per Caruso tradotto da Martini

e pizza e pomodoro piazza napoletana
via vicolostretto rione valione chiazzanova
'ndint' 'e gisuiti 'o cannalone 'o scalandrone
e quella Dante Alighieri tra Oberdan e palazzine
'o bbar 'e Maria 'a chiatta Giuvanne 'o furnaro
Rachele e Filomena arriveranno poi
i grandi magazzini daber e Lady Madonna
e gli oscar mondadori

chiuderò qui questo libro che pare non voglia
mai ultimarsi e che indosserò come cenere del vulcano spento
e quale testo-testamento per amici e parenti
compagni di sventura oracoli ciechi e biechi lestofanti

e vi prego non lasciate solitario il mio ibisco rosso
non lasciate i miei versi tra la polvere
di scaffali che non conosceranno mai le nuove strade
tra l'inferno ed il sacro
portateli nei vicoli nei porti delle città barocche
sia anche tra il piscio di latrine e nei postriboli in festa
nella casa di Trimalcione a Cuma lasciateli riposare
e poi ancora tra curve arabesche e sotterranee cave
tra il ferro indurito e l'abisso della palude
e dalli effimeri fogli all'orlo del vulcano
e tra le crepe di un tarramoto antico

immergeteli pure nel disagio del fango
e con il canto stonato della ci-ci civetta
parigina delle ande e tra il bleu ed il giallo
dal polifonico ottantotto del secolo scorso

usateli a mo' di serenata sguaiata e tradita
tra un vomito ed una avemmaria cantateli
cataljanno cataljanno a tutte le ore in tutte le stagioni
tarantelle contro la paura 'ndint' 'o scuro
'ndint' 'o scuro e tra scarrafuni e tenie di vaiasse

e così sarò paradiso e paradosso spot interruptus
jorda pilosa evera fetente a Pezzulo puzzulente
in traduzione erba fetente in una Pozzuoli pozzolente
zefira di vento concertino per culo a mandolino
con tamburello e chitarra battente

sarò la più bella parola tra l'acqua e la luna
bordello in primmavera goccia d'amore
nel reggipetto di una bbona signora in carriera
sciammera tra bestemmie cimiteri e spose e pane e marmellata

sarò sputo d'artista sarò fiorista anarchiste
sarò l'ultima canzone da tenere sul balcone tra i gerani
e tra il male dei fiori ed una svogliata carezza
Faber e Carmelo poeti francesi e trichechi
tarocchi e tricchi tracchi e tutti i sanguineti contro le streghe
contro gli impostori lirici e castrati

sarò salmastra letania tra muco e fuoco
e sarò preghiera onanista da tutti i santi obliterata
nel sudore di vagina che sorride e si muta si danza si fuga
frutto acerbo e maturo al tempo stesso
e che diventa graffio e suono
in una itinerante biblioteca oscena
il mio coito con l'intero mondo